LE FALSE INFORMAZIONI…

Ieri guardando la tv sono incappata in uno delle tante “televendite”. Questa volta non si trattava di “materassi” o di “batterie di pentole”, ma di uno dei vari “miracolosi” dispositivi che migliorano la postura facendo passare il mal di schiena.

Mi sono soffermata ad ascoltare la presentazione di questo prodotto, osservando le immagini che scorrevano durante la promozione. Purtroppo è stata somministrata l’ennesima dose di informazioni fuorvianti per quel nutritissimo gruppo di persone che soffrono di disturbi vari a livello della colonna vertebrale. Questo dispositivo sarebbe in grado di MODIFICARE LA POSTURA (risolvendo qualsiasi tipo di disturbo) SENZA IL MINIMO SFORZO, semplicemente indossandolo (di giorno e anche di notte per inciso). Le stesse immagini video che accompagnano la presentazione mostrano risultati davvero poco realistici.

Le parole chiave “senza alcuna fatica” ed “economico” ripetute ossessivamente durante lo spot, avranno certamente fatto breccia nel cuore e nel portafoglio di più di uno spettatore.

La realtà però è un’altra: la postura di un individuo può essere realmente modificata solo lavorando dal proprio interno, con consapevolezza e intenzione, con fatica e costanza. Ovviamente queste “parole chiave” sono molto meno accattivanti, considerando che al giorno d’oggi abbiamo poco tempo, poco denaro e POCA VOGLIA DI METTERCI IN GIOCO IN PRIMA PERSONA. Molto più comodo e semplice affidarsi ad un aiuto (?) esterno.

…E LE SCOMODE VERITÀ

In modo estremamente semplicistico immaginiamo di essere costituiti da un doppio involucro:

  • uno esterno che conosciamo bene ed è rappresentato dal nostro conscio;
  • uno interno, praticamente sconosciuto, rappresentato dal nostro inconscio.

 Il sistema tonico posturale risiede in quest’ultimo strato profondo e viaggia all’unisono con l’inconscio. Se tutto funziona a dovere non avremo problemi posturali, ma noi non funzioniamo a dovere purtroppo. La somma di piccoli e grandi eventi stressanti della nostra vita quotidiana genera il deragliamento del sistema tonico posturale, con retrazioni muscolari, disallineamenti ossei e conseguenti dolori.

L’unico sistema in grado di comunicare e modificare realmente il nostro involucro interno (inconscio) è l’involucro esterno (il te stesso conscio). Innanzitutto dobbiamo comprendere le reali ragioni dei nostri dolori. “Perché accuso dolore, qual è il messaggio che il mio interno sta inviando al mio esterno?” Pensare che un attrezzo possa bypassare  il nostro conscio ed entrare nel nostro inconscio correggendolo è assurdo.

La postura errata ed i dolori da essa derivanti possono essere corretti solo attraverso la conoscenza, la consapevolezza, la visualizzazione, la percezione, l’intenzione, la motivazione. Occorre avere la reale intenzione  di modificare un assetto posturale, conoscerlo e visualizzarlo, dopo di che con tanta gratitudine e amore saremo in grado di apportare un reale cambiamento.

I giusti professionisti sono in grado di accompagnarci lungo questo complesso e faticoso percorso, aiutandoci a riscoprire la giusta via del movimento corretto. Essi non possono però sostituire la nostra intenzione, consapevolezza e motivazione. Il lavoro passivo è solo un pagliativo, occorre invece un lavoro ATTIVO, in cui il soggetto si rende RESPONSABILE DELLA PROPRIA SALUTE (o mancanza di essa).

“Il vero maestro ti mostra la tua grandezza non la sua”  (Anonimo)

Namastè

Dott.ssa Chinesiologa Sandra Zoppi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *